Biologo nutrizionista a Milano

A cosa servono i BCAA?

11/06/2024

Integratori di BCAA: sono utili?

BCAA: cosa sono?

I BCAA sono un sottogruppo degli L-α-amminoacidi, cioè molecole che all’interno del nostro organismo vanno a costituire la cosiddetta struttura primaria delle proteine. Le proteine, infatti, possono essere scomposte in aminoacidi. I BCAA hanno la peculiarità di avere una ramificazione che conferisce loro una struttura chimica del tutto particolare, ramificata appunto, con più atomi di carbonio, l’elemento caratteristico degli organismi viventi. Essi sono la leucina, l’isoleucina e la valina, 3 dunque dei 20 aminoacidi necessari per costruire le proteine. Questi tre aminoacidi sono essenziali e proteogenici.

A cosa servono i BCAA?

I BCAA hanno un ruolo nella crescita di alcune cellule del sistema immunitario, linfociti T in particolare. Inoltre, sono anche glucogenici, cioè potenzialmente possono essere trasformati in glucosio, vale a dire in energia, al bisogno, attraverso un meccanismo biochimico noto come gluconeogenesi.

Sulla base di quanto detto, sappiamo che i BCAA sono dunque già inclusi nelle proteine che assumiamo di solito con una dieta bilanciata;  il fabbisogno proteico varia tuttavia da individuo a individuo, anche in funzione dell’attività fisica eventualmente svolta.

A cosa servono gli integratori a base BCAA?

In breve: probabilmente a niente, neanche per gli sportivi. Il Prof. Stuart Phillips dell’Università McMaster in Ontario, Canada, ha ampiamente studiato e discusso quanto poco rilevante sia l’impatto dei BCAA introdotti sotto forma di integratori sul nostro organismo.

Ne esistono varie formulazioni, in cui il rapporto tra leucina, isoleucina e valina varia (2:1:1 – 3:1:1 – 4:1:1), questo perché alcuni studi hanno suggerito che sia la leucina l’aminoacido che innesca maggiormente la sintesi proteica, cioè la costruzione di proteine da parte del nostro organismo. Il punto è che, mentre in laboratorio è stata notata l’attivazione di determinate vie metaboliche anaboliche, cioè che potenzialmente potrebbero favorire i meccanismi di crescita e riparazione muscolare, in vivo questo non è mai stato dimostrato, perché i BCAA da soli non sono sufficienti a favorire processi così complessi.

In particolare, il Prof. Phillips ha evidenziato che:

  • Gli studi di letteratura scientifica dimostrano come negli individui che si garantiscano un adeguato introito proteico (circa 1,6g per kg di peso corporeo al giorno) non si noti alcun beneficio in termini di ipertrofia o forza a seguito di integrazione con BCAA.
  • Meta-analisi e revisioni sistematiche della letteratura hanno dimostrato in modo consistente che l’integrazione con BCAA non incrementa in modo significativo la forza muscolare o la resistenza né migliorano la performance complessiva.
  • I BCAA sono il tipico caso di ‘over hyped marketing’, laddove il claim è ben lontano dalla realtà e dalla scienza: tutta pubblicità insomma.

Quando prendere i BCAA?

I muscoli sono costituiti essenzialmente da proteine, le quali a loro volta sono costituite da aminoacidi. Sulla base delle conoscenze ad oggi disponibili, in alcuni casi può essere utile un’integrazione o una supplementazione proteica negli sportivi, ma non ci sono evidenze che spingano il nutrizionista a suggerire un’integrazione o supplementazione specifica di BCAA per questa categoria di pazienti.

Per districarsi nella giungla degli integratori e per avere una visione chiara dei propri fabbisogni è sempre raccomandabile rivolgersi a un professionista qualificato per avere una consulenza nutrizionale completa.